MENU

FESTIVAL JAZZONTHEROAD 2020 - TONOLO - CINELLI "Twelve Gate"

sabato 18 luglio 2020 - ore 21,30
Padenghe sul Garda, Piazza d'Annunzio
in caso di pioggia il concerto si terrà presso l'Auditorium in Piazza G. D'Annunzio - Padenghe S/G
 
TWELVE GATES
Charlie Cinelli: basso, voce
Pietro Tonolo: fiati
Giancarlo Bianchetti: chitarra
Giovanni Giorgi: batteria
 
Due dei più importanti musicisti italiani provenienti da due mondi musicali apparentemente molto distanti tra loro, amici da molti anni, Pietro Tonolo e Charlie Cinelli, hanno deciso di dar vita, in anteprima assoluta per il Festival Jazzontheroad, ad un nuovo affascinante progetto, per il quale hanno scelto di farsi affiancare da altri due straordinari compagni, quali il chitarrista Giancarlo Bianchetti che nella sua lunga carriera ha avuto modo di collaborare con artisti del calibro di Steve Grossman, Tony Scott, John Abercrombie, Carlo Atti, Piero Odorici, Pietro e Marcello Tonolo, Jack Walrath, Sandro Gibellini, Antonio Cavicchi, James Moody, Bobby Watson e molti altri e il batterista Giovanni Giorgi eclettico musicista che vanta collaborazioni con grandi artisti di diversa estrazione musicale quali, tra i tanti: John Patitucci, Jimmy Haslip, Delmar Brown, Paul Jeffrey, Tommy Emmanuel, Giovanni Sollima, Matthew Garrison, Linley Marthe, Danilo Rea, Stefano Di Battista, Sarah Jane Morris, Giorgia, Eugenio Finardi, Roberto Vecchioni, Nick the night fly, Teresa De Sio, Malika Ayane, Ricky Martin e molti altri. 
Pietro Tonolo è uno dei più noti sassofonisti di jazz europei che ha suonato regolarmente con musicisti del calibro di Lee Konitz, Steve Lacy, Joe Lovano, Joe Chambers, Gil Goldstein, Steve Swallow, Eliot Zigmund, Paul Motian e molti altri mentre Charlie Cinelli è un famoso bassista/cantante di “casa nostra” che nella sua lunga carriera ha avuto modo di collaborare con artisti del calibro di Martin Taylor, Mina, Zucchero, Geoff Wesley, nonché con le orchestre Rai e Mediaset, è stato, quindi, fondatore del mitico gruppo “Charlie & the Cats” che ha condotto per un decennio di successi, per poi dedicarsi a progetti soliti. Il loro nuovo quartetto con cui si presentano al Festival Jazzontheroad prende spunto dal titolo del brano "Twelve gates to the city" del reverendo Gary Davis (1896-1972) compositore, cantante e chitarrista maestro del finger picking e principale esponente del Piedmont Blues, forma di Blues particolarmente complessa sul piano strumentale che si sviluppò lungo l’East Coast e che risultava notevolmente influenzata dal Ragtime. Gary Davis influenzò diversi musicisti, tra cui Bob Dylan, Jackson Browne, Peter, Paul & Mary e i Grateful Dead, mentre suoi allievi, tra gli altri,  furono Stefan Grossman, David Bromberg, Dave Van Ronk, Jerry Garcia, Taj Mahal, Ry Cooder, Roy Book Binder, Woody Mann, Nick Katzman.
L’intento di questo affascinante progetto è quello di renderci alcuni tra i brani più significativi di Gary Davis sdoganando testi e melodie con una veste sonora moderna. 
* * *
INGRESSO GRATUITO
Fino ad esaurimento posti
Attenzione la prenotazione sará garantita fino a  massimo 15 minuti prima dell'inizio dei concerti dopodiché verrá cancellata

Prenotazione gratuita, posti disponibili: 28



Inviando questo form accetto i termini d'uso e la gestione della privacy