MENU

I COLORI DEL JAZZ | Andrea Molinari "51"

giovedì 16 aprile 2020 - ore 20,00
der Mast - via G. Carducci, 17/e Brescia
Der Mast in collaborazione con l'Associazione Culturale Jazzontheroad e il sostegno del  Cricuito C.L.A.P.S., presenta “I Colori del Jazz” un ambizioso quanto originale cartellone di concerti finalizzati a mettere in rilievo le molteplici e affascinanti sfaccettature e contaminazioni del jazz attraverso una proposta musicale estremamente variegata e diversificata in cui l’unico riferimento comune sarà la Grande Qualità dei progetti proposti.
Questa sera sul palco del der Mast salirà un brillante talento della chitarra, Andrea Molinari, che presenta il suo nuovo progetto “51” affiancato da alcuni dei musicisti più affermati  e richiesti della nuova generazione del jazz nazionale.
 
 
Andrea Molinari “51”
Andrea Molinari, chitarra
Alessandro Presti, tromba
Enrico Zanisi, piano
Matteo Bortone, contrabbasso
Enrico Morello, batteria
 
Dopo l’apprezzato esordio con “L’era dell’Acquario feat. Logan Richardson”, Andrea Molinari –giovane e talentuoso chitarrista marchigiano – presenta al der Mast "51”, suo ultimo disco edito dalla prestigiosa etichetta statunitense Ropeadope Records, affiancato da quattro protagonisti della scena jazz nazionale come Alessandro Presti, Enrico Zanisi, Matteo Bortone ed Enrico Morello.
In questo suo secondo progetto intitolato semplicemente “51” da quale il 12 aprile è uscito l’omonimo album per la prestigiosa etichetta statunitense Ropeadope Records, Molinari ha seguito   un filo rosso che lega questo lavoro a quello precedente e che va oltre la musica: ed è il suo profondo interesse per la numerologia e per l’esoterismo (L’era dell’Acquario è l’era moderna secondo gli antichi Maya e 51 sono i gradi di inclinazione della Piramide di Cheope, la più antica e la più grande delle tre piramidi principali della necropoli di Giza e anche la più antica delle sette meraviglie del mondo) che, facendo intravedere il culto per qualcosa che mette insieme l’antico e il moderno, ne rende attraente l’ascolto.
È la forma canzone che il chitarrista marchigiano cerca di privilegiare nel suo progetto (cosa questa già evidente nel suo disco d’esordio) e la cantabilità dei brani rappresenta una specie di proprio marchio di fabbrica. Nel progetto “51” ogni brano ha un significato evocativo molto personale e affascinante.
 
* * *
* * *
ingresso: intero euro 12,00 - ridotto euro 10,00 (per Tesserati Jazzontheroad 2019/2020, Under30 e studenti del Conservatorio)
per prenotazione posti chiamare: +39 392 489 0202 o inviare una mail a: info@dermast.art